Verso lo sciopero generale dei metalmeccanici del 20 aprile.

Share

Rendiamo disponibile il volantino firmato Radio Fabbrica che verrà distribuito nelle assemblee regionali unitarie, iniziate Giovedì 31 marzo a Torino con quella del Piemonte (e che proseguiranno nella prossima settimana con quelle di Emilia Romagna, Lombardia e Lazio tra le altre) in vista dello sciopero generale dei metalmeccanici del 20 aprile per il rinnovo del contratto nazionale contro le intollerabili provocazioni di Federmeccanica.

Metalmeccanici – È finito il tempo delle parole, è l’ora della lotta!

Share

Dopo oltre tre mesi di discussione e ben tredici riunioni coi padroni, martedì 16 marzo i sindacati metalmeccanici hanno dovuto rompere con Federmeccanica e Assistal sul rinnovo del contratto nazionale. Il padronato non intende riconoscere alcun aumento salariale, demandando la materia ai soli contratti aziendali. Vogliono dare un altro fendente mortale al contratto nazionale. Federmeccanica ha inoltre reso chiaro che non vuole un accordo senza la Fiom, costringendo così anche Fim e Uilm a rompere. Un fatto positivo: anche se il rischio che i dirigenti della Fim giochino il ruolo di cavallo di Troia in questa mobilitazione è reale, mettendo in campo una lotta decisa si possono impedire nuove firme separate.

Read more...

Tesi approvate alla Conferenza dei Lavoratori di SCR

Share

Pubblichiamo di seguito le tesi sul sindacato approvate alla Conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra, Classe, Rivoluzione che si è svolta il 13 e 14 Febbraio 2016 a Reggio Emilia. Qui è possibile scaricarle in formato PDF.

Lotta economica e lotta politica nel capitalismo in crisi

La questione dei sindacati ha un’importanza vitale per il movimento operaio e di conseguenza ce l’ha per il nostro movimento.

Read more...

Castelfrigo: mai più schiavi!

Share

Tra gennaio e febbraio, i 130 operai delle “cooperative” con appalti presso la Castelfrigo di Castelnuovo Rangone sono stati protagonisti di una lotta molto dura, vinta nell’ultima fase dopo tre giorni di sciopero a oltranza. Per la prima volta, lavoratori di nazionalità diverse si sono parlati tra loro ed hanno organizzato assieme uno sciopero di oltre 10 giorni con picchetto. La vertenza, organizzata e sostenuta dalla Cgil, ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli e durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si-Cobas, hanno scioperato in solidarietà. Per noi la vertenza della Castelfrigo apre la possibilità di un’offensiva più generale dei lavoratori in una delle zone economicamente più importanti per il settore alimentare, nel quale i padroni hanno fatto profi tti a palate. Ora si deve trasmettere il messaggio che si inizia a combattere seriamente l’iper-sfruttamento.

Read more...

logoRF
Trasporti
scuola e universita rs