La lotta alla Lati SA

Share

Se oggi non saranno consegnati i latticini della LATI...

…non è perché i dipendenti non si sono svegliati ma perché stanno lottando per ottenere un contratto collettivo di lavoro!
La LATI SA é uno dei principali gruppi alimentari nel Canton Ticino e la più importante azienda nel settore lattiero. LATI SA lavora il latte di 180 produttori del Canton Ticino. LATI SA produce latte da consumo (fresco, pastorizzato e uperizzato), formaggi freschi, formaggi a pasta molle e semidura.

Nel febbraio del 2011 la direzione della LATI ha consegnato a tutti i dipendenti, i nuovi regolamenti con “l’invito” a firmarli individualmente.

Con i nuovi regolamenti i dipendenti hanno perso molto e non hanno guadagnato nulla:

Peggioramento dell’articolo riguardante i giorni supplementari di vacanza per anzianità, riduzione del diritto alle vacanze per assenza, riduzione riporto vacanze non godute, riduzione dell’indennità per Infortunio professionale, riduzione del congedo maternità, riduzione del congedo matrimonio, abolizione dell’assegno integrativo per persone a carico. Nel frattempo la direzione ha aumentato il carico di lavoro!

Eppure la stragrande maggioranza dei dipendenti, la commissione del personale e il sindacato UNIA erano contrari a tutte queste modifiche!

Secondo la direzione della LATI il peggioramento delle condizioni di lavoro equivale ha una miglior gestione dell’azienda. Nessun risparmio quindi ma regole migliori.
Anche i dipendenti della LATI vogliono regole chiare e per questo motivo da ormai un anno chiedono di aprire una trattativa per un contratto collettivo di lavoro che permetta loro di avere almeno:

salari minimi, indennità turni, indennità per gli straordinari, una chiara regolamentazione del tempo di lavoro, la tutela dei delegati sindacali.

Malgrado la raccolta firme, le lettere, le numerose assemblee, la direzione della LATI non ha mai voluto sentir ragione e non ha mai nemmeno aperto una trattativa tanto che la commissione del personale ha dato le dimissioni in corpore.

Il 19 giugno i 70 dipendenti della LATI con l'appoggio del sindacato UNIA hanno bloccato l'uscita dei camion dell'azienda e sono rimasti fuori dai cancelli in sciopero, dopo un anno e mezzo di infruttuose discussioni con la direzione. Discussioni che grazie allo sciopero, che ha colto di sorpresa i vertici societari, hanno subito trovato uno sbocco.

L'obiettivo era l'apertura di una vera e propria trattativa che porti a un contratto collettivo di lavoro (un minimo salariale già è in vigore). Fra le parti è stato rapidamente siglato un accordo, che verrà discusso nei dettagli nei prossimi giorni e dovrà sfociare in un negoziato formale. Un primo incontro è previsto per venerdì 22 giugno.

http://www.tio.ch/Ticino/News/686810/Sciopero-alla-Lati-per-un-nuovo-contratto-collettivo

http://www.tio.ch/Ticino/News/686810/Sciopero-alla-Lati-per-un-nuovo-contratto-collettivo

http://agrifutura.wordpress.com/2012/06/19/sciopero-alla-lati-di-s-antonino/

http://agrifutura.wordpress.com/2012/06/19/sciopero-alla-lati-di-s-antonino/

http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/06/19--Sciopero-lampo-alla-Lati-Chiest

http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/06/19--Sciopero-lampo-alla-Lati-Chiest

logoRF
Trasporti
scuola e universita rs