La 'chiarezza' di Federmeccanica

Share

Nell'assemblea annuale a Bergamo Federmeccanica il 22 giugno ha varato le "linee guida" per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. Specificando che tutto deve essere subordinato all'andamento del mercato, di questi giorni i dati sull'economia del paese che indicano il Pil nel 2012 in caduta libera, e che il contratto non è obbligatorio sottoscriverlo se non si fa come comandano i padroni. Pubblichiamo il testo di federmeccanica decisamente esplicito su cosa intendono i padroni per rinnovo del contratto.

Che riassumendo scrivono:

- salario flessibile che cancella la certezza dei minimi contrattuali, saranno le imprese a decidere, in base all'andamento del mercato, a decidere se erogare o meno il minimo salariale stabilito dal contratto.
- abolizione di tutti gli automatismi salariali, scatti di anzianità, passaggi di categoria, passaggi di mansione e trasferte
- abolizione del pagamento dei primi tre giorni di malattia
- aumento dell'orario di lavoro
- pieno utilizzo degli straordinari senza contrattazione con le Rsu

Ovviamente in ogni passaggio del documento delle linee guida di Federmeccanica emerge chiaramente come, grazie alle deroghe, il contratto aziendale di fatto è sempre più alternativo a quello nazionale.

logoRF
Trasporti
scuola e universita rs